Scuola dell'Infanzia Tommaso Grossi – Bellano (LC) - Dal 1888

La sezione Primavera

I bambini della sezione Primavera vengono affidati alle cure di due insegnanti, Anna e Laura, che con amore e dedizione li accompagnano nel loro cammino di crescita.

NASCITA DELLA SEZIONE PRIMAVERA

A seguito dell’entrata in vigore della LEGGE REGIONALE n° 296 del 27 dicembre 2006 , con la quale viene definita l’offerta formativa di servizio educativo per bambini fra i 24 ed i 36 mesi di età, in data 13 maggio 2008 viene sottoscritta l’intesa per la realizzazione della Sezione Primavera.

A seguito di vari incontri fra l’amministrazione comunale di Bellano ed il consiglio di amministrazione della scuola materna , nel corso dell’anno 2007 , si convenne che fosse utile dotare la scuola materna della sezione primavera , ma non essendo reperibile uno spazio idoneo all’interno della struttura esistente divenne prioritaria la costruzione di una nuova aula per tale attività didattica.
Grazie ad un privato di Bellano che si offrì nell’erogare un notevole contributo (€100.000), l’Ente Scuola, in collaborazione con l’Amministrazione Comunale, individuò i progettisti, gli architetti Cari’ e Rossi che in breve tempo redassero il progetto a titolo gratuito, depositandolo per l’iter autorizzativo in data 07-03-2008 . L’Amministrazione comunale di Bellano rilasciò Permesso di Costruire in data 25-07-2008. I lavori iniziarono il 4 agosto 2008 e furono ultimati il 29 luglio 2009.
Contemporaneamente , sempre in accordo con l’Amministrazione comunale, fu presentata Domanda alla regione Lombardia , sia per il finanziamento di una parte dei lavori , sia per l’apertura e il finanziamento della sezione primavera , segnalando che purtroppo per mancanza di aula saremmo stati pronti per l’anno scolastico 2009/2010.
La Regione Lombardia finanziò i lavori per un importo pari a € 33.500 ( corrispondente al recupero del fabbricato rustico), ma come da comunicazione Fism in data 7 agosto 2008, non accolse la domanda di finanziamento della sezione primavera, per l’anno scolastico 2008/2009 e 2009/2010.
L’ Amministrazione comunale di Bellano, in occasione del Consiglio Comunale aperto convocato il 13 dicembre 2008 presso la sede della scuola materna, deliberò un finanziamento di € 30.000 quale contributo per la costruzione della nuova aula per la Sezione Primavera, ufficializzandone anche la costituzione.
Il 24 maggio 2009, in occasione della festa di Maria Ausiliatrice, presenti moltissimi bellanesi, gli amministratori comunali e provinciali e i benefattori, fu benedetta ed inaugurata la nuova aula, nella quale, il 5 settembre 2009, in occasione dell’apertura dell’anno scolastico 2009/2010, furono accolti i primi 11 bambini.

Un breve riepilogo dei costi sostenuti:

-Ampliamento per costruzione nuova aula : € 181,501,33
-Ristrutturazione rustici : “ 80,158,08
—————-
totale € 261,659,41 iva compresa
Finanziamenti:

-Regione Lombardia € 33,500,00
-Comune di Bellano “ 30,000,00
-Benefattore Privato “ 100.000,00
-Fondi messi a disposizione dall’Ente “ 47,259,41
-Lasciti,donazioni,eventi organizzati dai genitori “ 50,900,00
—————–
totale € 261,659,41
==========

PROGETTO SEZIONE PRIMAVERA

SCUOLA DELL’INFAZIA “TOMMASO GROSSI” – BELLANO (LC) –

L’educazione è cosa di cuore “

“L’umanità che si rivela in tutto il suo splendore intellettuale durante la dolce e tenera età dell’infanzia dovrebbe essere rispettata con una sorta di venerazione religiosa. E ‘come il sole che appare all’alba o un fiore appena sbocciato. L’educazione non può essere efficace se non aiuta il bambino ad aprire se stesso alla vita” Maria Montessori

 

STORIA DELLA SCUOLA E STILE EDUCATIVO

La scuola dell’Infanzia “Tommaso Grossi” ebbe inizio nel gennaio 1888 come opera di assistenza dell’infanzia Bellanese e fu affidata alle suore Figlie di S. Anna. Nel 1893 furono inserite due maestre laiche e, nel 1904, fu riconosciuta giuridicamente come “Ente Morale”. Nel 1921 subentrarono nella gestione educativa le suore Figlie di Maria Ausiliatrice .Nel 2009 viene inaugurata la nuova struttura adibita alla sezione PRIMAVERA, risposta concreta alle esigenze della popolazione Bellanese. La finalità della nostra Scuola dell’infanzia Tommaso Grossi, di ispirazione cristiana  è lo sviluppo integrale della personalità del bambino, accolto incondizionatamente come persona unica e irripetibile, portatrice di una storia e di una ricchezza peculiare. Il servizio si propone, come obiettivo, di favorire l’autonomia ed il “fare” dei bimbi e di svolgere un ruolo attivo per la piena affermazione del significato e del valore dell’infanzia, secondo i principi di uguaglianza e pari opportunità, rispetto della diversità e della libertà. Inoltre ha lo scopo di aiutare ogni bambina e ogni bambino a crescere in stato di salute e benessere, a seguire percorsi equilibrati di socializzazione, e ad acquisire le abilità, le conoscenze e le competenze affettive e relazionali utili per costruirsi un’esperienza di vita ricca ed armonica, all’interno di un ambiente sereno, tranquillo, carico di valori. L’ educatrice è guida e sostegno per il bambino e ha con lui un rapporto individualizzato fondato sul dialogo, sulla stima, e sulla sua capacità di entrare in empatia con i singoli soggetti.

 

OFFERTA EDUCATIVA

La sezione PRIMAVERA è un’offerta educativa rivolta ai bambini tra i 24 e i 36 mesi nata per soddisfare le crescenti richieste espresse dalle famiglie del territorio e per dare una risposta corretta ai bisogni dei bambini , offrendo loro tempi di ascolto e osservazione nel rispetto della loro personalità in crescita. E’ una realtà che vuole fornire spazi adeguati allo sviluppo dei processi di identità, movimento e autonomia in un clima di rispetto, fiducia e sicurezza. La Sezione primavera  andrà ad integrare le attività della già presente Scuola dell’Infanzia Tommaso Grossi, per contribuire a diffondere una cultura dell’infanzia attenta ai bisogni e alle potenzialità dei bambini, in coerenza con il principio della continuità educativa. Il senso più profondo di questo progetto è il suo essere luogo di relazioni, all’interno del quale si struttura e si sviluppa l’identità emotiva, cognitiva, relazionale e sociale di ogni singolo bambino.

PERSONALE DOCENTE E AUSILIARIO

I bambini della sezione PRIMAVERA saranno affidati alle cure di una docente di Scuola dell’Infanzia abilitata all’insegnamento e di due assistenti che forniranno adeguato supporto nei momenti più impegnativi dell’attività quotidiana quali il momento dell’accoglienza , della cura e igiene personale, del pasto e del gioco libero un giardino, oltre che delle attività didattiche.

E’ prevista una stretta collaborazione con la coordinatrice della scuola dell’infanzia, abilitata all’insegnamento e con un’esperienza decennale.

I pasti verranno preparati dalla cuoca della Scuola dell’Infanzia secondo il menu approvato dall’ufficio igiene degli alimenti e della nutrizione dell’Asl  ed adeguato all’età dei bambini; le pulizie dei locali riservati alla “sezione primavera” verranno svolte, rispettando le vigenti normative di igiene e sanificazione degli ambienti,  dal personale ausiliario già operativo nella Scuola dell’Infanzia.

La Scuola garantirà la stabilità delle figure di riferimento per tutta la durata del progetto.

 

SPAZI E STRUTTURE

L’ attività della sezione PRIMAVERA si svolge nello stesso stabile utilizzato dalla scuola dell’Infanzia in uno spazio al piano terra totalmente dedicato alla sezione.

I bambini avranno a disposizione alcuni locali che rispondono alle loro diverse esigenze:

*uno spazio sezione dedicato  al gioco libero e strutturato

*uno spazio guardaroba

*un locale fasciatoio con adiacente bagno adeguatamente attrezzato per l’igiene e la cura della persona.

I locali saranno allestiti con arredi, materiali e macro strutture in grado di qualificare l’ambiente educativo come contesto di vita , di relazione e di apprendimento.

 

INSERIMENTO ALLA SEZIONE PRIMAVERA

L’entrata alla Scuola è, per ogni bambino ed ogni bambina, ma anche per i genitori, una tappa importante di crescita. E’ fondamentale che l’inserimento avvenga in modo graduale in piccolo gruppo per poter garantire ai genitori la possibilità di rimanere in sezione per un tempo adeguato allo scopo di aiutare il proprio figlio/a a staccarsi gradualmente da loro, per conoscere il nuovo ambiente e per sentirsi accolti affettivamente dalle insegnanti. Il tempo di permanenza dei genitori diminuirà gradualmente fino a limitarsi al solo momento dell’accoglienza. Il programma dell’ inserimento per ciascun bambino verrà concordato con le insegnanti, prevedendo successivamente un colloquio informativo con loro.

 

ACCOGLIERE OGNI BAMBINO: LA DISABILITA’

In ottemperanza alla Legge 517 del 1977, relativa all’integrazione scolastica degli allievi in situazione di handicap, verranno accolti nella sezione primavera anche i bambini con disabilità certificata o con  particolari problemi legati alla crescita. L’integrazione scolastica ha come obiettivo lo sviluppo delle potenzialità del bambino disabile nell’apprendimento, nella comunicazione, nella relazione e nella socializzazione. A tal fine la scuola in accordo con il presidente e la coordinatrice saprà modificare la propria struttura e apportare cambiamenti organizzativi per far fronte a questa esigenza. La coordinatrice e l’insegnante della sezione primavera inoltre, saranno disponibili per un colloquio con la famiglia e con i servizi sanitari che si occupano del bambino al fine di redigere il Progetto Educativo Individualizzato. Fondamentale è riuscire fin da subito a costruire un Progetto di vita in rete che tenga conto delle potenzialità e delle difficoltà del bambino, rendendo il contesto scuola come un luogo sempre più  facilitante al suo processo d’inclusione. Nel caso in cui sia necessaria una figura di sostegno per garantire un adeguato inserimento del bambino dal punto di vista educativo e relazionale/affettivo, la coordinatrice inoltrerà domanda di assegnazione di risorse per l’integrazione agli Enti territoriali di competenza. La scuola, inoltre, potrà avvalersi della consulenza pedagogica/educativa e gestionale delle coordinatrice rete disabilità della Fism di Lecco, competente sul territorio di Bellano.

 

ORGANIZZAZIONE DELLA GIORNATA

La mattinata inizia con l’arrivo dei piccoli dalle 9.00 alle 9.30 (per chi frequenta il pre-scuola dalle 8.00 alle 9.30 ). In questa fascia oraria le educatrici propongono giochi liberi per avere il tempo di accogliere ognuno singolarmente in base all’orario di arrivo. Dalle 9.30 la giornata prosegue con proposte di gioco libero e/o guidato secondo la programmazione in corso, nel rispetto dei ritmi e dei tempi di ciascun piccolo. Il gioco ha un’importanza fondamentale e occupa gran parte del tempo trascorso nella sezione PRIMAVERA.

Alle  10.00 ci sarà la distribuzione della merenda e successivamente verranno proposte brevi attività individuali o di gruppo.

Alle ore 11.00 si da importanza all’igiene e alla cura della persona con il cambio del pannolino, poi ci si prepara al pranzo che viene servito alle 12.00.

Al termine del pranzo si gioca ancora un poco e, verso le 13.30 si va a fare la nanna. Al risveglio si aspettano i genitori con canti e giochi insieme.

 

LE ATTIVITA’

La nostra giornata è scandita da routines, prassi e abitudini quotidiane che caratterizzano il tempo trascorso a scuola e danno al bambino un senso profondo di sicurezza. Le attività proposte avranno come obiettivo fondamentale quello di permettere a ciascun bambino la possibilità di poter vivere esperienze diverse rispetto al contesto famiglia, che lo porteranno ad esplorare la realtà che lo circonda, a sperimentare nuovi materiali, ad apprendere cose nuove ed ad esprimere la propria creatività. Le attività saranno tutte improntate sul gioco, attività primaria per eccellenza che permette al bambino sia  di costruire i propri modelli di conoscenza, sia di entrare in relazione con gli altri, divertendosi e socializzando. Le attivita’ ludiche e didattiche, pensate tenendo conto dell’unicità di ogni singolo bambino, nel rispetto dei tempi di sviluppo e di apprendimento di ciascuno, verranno organizzate in piccolo gruppo.

Più in specifico verranno proposte le seguenti attività:

gioco euristico con gli oggetti:

Consiste nel dare ad un gruppo di bambini, per un periodo di tempo definito, in un ambiente controllato, una grande quantità di oggetti diversi e contenitori di diversa natura con i quali possono giocare liberamente e senza l’intervento dell’adulto. Questa attività spontanea di esplorazione e manipolazione di oggetti favorisce l’aumento della mobilità, fattore centrale nello sviluppo delle competenze nel bambino di due anni.

*attività manipolative e grafico-pittoriche

Per i bambini la manipolazione è una delle modalità di conoscenza del mondo circostante; essa sollecita curiosità e disponibilità alla scoperta, introducendo il bambino alle prime operazioni di concettualizzazione.

*attività linguistico-cognitive

Dominare le modalità e gli strumenti per comunicare significa poter entrare in relazione con gli altri migliorando la qualità della propria esperienza di vita sotto il profilo sia cognitivo che sociale. L’uso corretto, consapevole ed intenzionale di gesti e parole porta progressivamente il bambino a partecipare a momenti di dialogo e di comunicazione sempre più soddisfacente che gli consentono di intervenire con successo all’interno del gruppo e di riconoscersi come vero protagonista della relazione. Anche la musica è comunicazione, pertanto l’ascolto e la produzione di canzoni e filastrocche contribuiscono a sviluppare la dimensione percettiva legata alla musica.

*attività psicomotorie

La Psicomotricità oltre a facilitare l’apprendimento di un corretto comportamento motorio permette al bambino di approfondire la conoscenza di sé e dell’altro da sé, l’identità corporea, la relazione con i pari e con gli adulti presenti, l’espressione e la comunicazione di bisogni e sentimenti e la consapevolezza della relazione corpo, spazio e tempo.

*attività simboliche

durante il secondo anno di vita il bambino comincia ad interessarsi ai giochi di rappresentazione e sviluppa così la capacità di pensare, evocare, rappresentare oggetti e persone non presenti riproducendo le esperienze della propria vita.

 

CONTINUITA’ CON LA SCUOLA DELL’INFANZIA

Durante l’anno il gruppo dei bimbi della sezione PRIMAVERA entreranno progressivamente in contatto con i bimbi più grandi della scuola dell’Infanzia attraverso momenti di gioco e di festa. La condivisione di spazi , tempi e attività permetterà ai più piccoli di conoscere e ambientarsi nei nuovi e futuri spazi della Scuola dell’Infanzia; di abituarsi con gradualità alle future figure di riferimento e di vivere momenti di confronto e condivisione con i bambini più grandi sentendosi così parte di un’unica realtà.

 

RAPPORTI CON LE FAMIGLIE

La famiglia è la prima esperienza educativa del bambino, è importante quindi non solo accogliere il bambino ma anche la sua famiglia, ponendo particolare attenzione alle sue richieste e ai suoi bisogni instaurando con essa un costruttivo rapporto di collaborazione e confronto. L’alleanza educativa scuola-famiglia infatti favorisce sicuramente il benessere e lo sviluppo del bambino. La comunicazione quotidiana all’ingresso e all’uscita del bambino è di fondamentale importanza; il breve scambio di informazioni sul proprio figlio e  sulla giornata appena trascorsa  consolida giorno dopo giorno il senso di partecipazione ed appartenenza della famiglia a questa esperienza educativa. Nel corso dell’anno inoltre vengono programmati alcuni appuntamenti tra l’educatrice e il genitore: il primo di questi è il colloquio individuale con ogni coppia di genitori (se possibile altrimenti con uno solo dei genitori) nella fase iniziale dell’inserimento. Il genitore ha così la possibilità di raccontare l’immagine del proprio figlio, nonché dare delle informazioni utili (come gioca a casa, lo stato generale di salute, il sonno, il rapporto con il cibo) all’insegnante per predisporre un’adeguata accoglienza; a sua volta l’educatrice informa i genitori dell’organizzazione della giornata e della strutturazione interna del servizio ( il corredo necessario, orari). La coordinatrice e le insegnanti della sezione primavera si impegneranno a far sì che tutte le famiglie possano partecipare, condividere  e collaborare  attivamente al percorso educativo del proprio figlio durante l’anno scolastico.

 

USCITE E FESTE

Le feste possono diventare sia un’occasione di incontro tra le varie famiglie per scambiarsi consigli ed informazioni e per  socializzare, nonché momenti per i genitori per conoscere e partecipare più da vicino al percorso educativo scolastico del proprio figlio.

Qualora la programmazione educativa/didattica richieda un’apertura all’ambiente e al territorio circostante potranno essere previste delle uscite nel Comune di Bellano.